GOGO YUBARI Z1000

Love Moto

Maurizio Carraro di Imbarcadero Venice14, come Quentin Tarantino, sembra essere rimasto segnato dagli anni 70, quando moto come la Kawasaki Z1000 sfrecciavano per le strade seminando il terrore. 

Gogo Yubari è il nome che ha dato a questa moto, come la studentessa guardia del corpo di O-Ren Ishii  in personaggio fittizio, partorito dalla mente di Quentin Tarantino, vista nel suo Kill Bill vol. 1.

Tarantino ha ideato il nome prendendo spunto dal titolo dell’anime Superauto Mach 5 (Mach Go! Go! Go!) e dal nome della città giapponese di Yūbari, nell’Hokkaidō, in cui il regista stesso era andato per promuovere il suo film Le iene.

Sono cresciuto sognando questa motocicletta , nei primi anni ottanta era la moto usata dalla maggior parti dei banditi membri della banda del Brenta capeggiata da Felice Maniero , non nego che questa motocicletta l’ho vista far fare a molti bikers la fine che la palla da bowling fa fare ai birilli …

L’ispirazione comunque era quella di creare un classico rivisitato in chiave attuale , accentuando il suo carattere corsaiolo.

La Kawasaki Z1000 fu presentata nel 1977 come erede della progenitrice Z900. La sostanziale differenza tra i due modelli era un aumento dell’alesaggio del cilindro di 4 mm che faceva arrivare la cilindrata a 1.015 cc.
Un’altra miglioria tecnica riguardava l’impianto frenate dove il freno a tamburo posteriore della 900 lasciava il posto ad un più moderno freno a disco.


È stata modificata la parte posteriore del telaio e riadattato il suo codino originale , eliminando l’airbox e montando una batteria al litio abbiamo recuperato spazio per alloggiare all’interno della culla del telaio tutto l’impianto elettrico che poi abbiamo mascherato creando due fianchetti laterali .

Sono stati montati cupoloni e semimanubri per dargli un’impronta più aggressiva, abbiamo ridotto di 7 mm l’escursuone della forcella ,al posto del suo scarico originale abbiamo montato un 4 in uno.
Naturalmente i colori della livrea sono un tributo alla sua terra d’origine

Comments on Facebook