Mazzabric Style & Vintage

Love Moto

La Honda Hornet Mazzabric è stata la protagonista di un vecchio post di qualche mese fà, Ma queste nuove foto permettono di osservare meglio i dettagli. 

Opera di Thomas Betti e di suo padre che all’interno della loro officina la Betti Moto Classic, hanno costruito tutto da soli.
Un ottimo risultato che gli è valso anche il premio della critica durante il contest Ferro dell’Anno e svoltosi durante il Motor Bike Expo 
La Hornet originale pur avendo un ottimo motore derivato dalla vecchia CBR 600 capace di circa 100 cv , non aveva di certo un telaio e un ciclistica capace di far divertire nella guida allegra.
E la guida allegra e frizzante è lo stile che predilige Thomas che nel suo recente passato ha esperienze di competizioni, anche se udite udite, con moto elettriche , che lo hanno portato a gareggiare sui circuiti più famosi al mondo come Laguna Seca in America.
E con un tale bagaglio di esperienza, voleva una moto efficace ma piena di stile  
 Il progetto era quello di fare una cafe racer e dare un aspetto vintage a una moto moderna, quindi hanno costruito un telaio di supporto attorno a quello originale per poter sistemare i nuovi elementi della moto e che donano maggiore rigidezza al telaio scatolato originale.

Hanno irrobustito anche il forcellone posteriore con un capriata superiore 
Il serbatoio in vetroresina ha un linea piatta sul basso e delle profonde svasature che fanno da invito per ginocchia, per la nuova posizione imposta dalla nuova linea.
Sul piccolo codino monoposto una sella in pelle scamosciata marrone e sulla parte terminale una struttura in tubi che sorregge il fanale posteriore, le frecce e la targa.

Il motore ha ricevuto un verniciatura di nero grinzato con coperchio della testata lucidato , che ora respira meglio grazie a una batteria di carburatori FCR e un nuovo sistema di scarico a tubi singoli che finiscono si dei silenziatori e a megafono , proprio come le moto anni 60/70.
Per completare il lavoro e la magia di portare indietro negli anni questa moto moderna, i cerchi a raggi assemblati sempre in officina dopo numerosi e complicati calcoli sulle dimensioni.

Thomas dopo tanto lavoro ha testato la moto in pista e queste solo le sue impressioni di guida 
“La moto certamente che ho provato in pista, ha migliorato di rigidità laterale del telaio e del forcellone, è un più reattiva e precisa, poi sono anche stati cambianti ammortizzatore wp e pompanti forcella. di motore con i carburatori FCR la moto è molto piu scorbutica, perde in basso ma guadagna in alto, il telaietto ha solo migliorato la moto, quello che cambia è la posizione di guida e la seduta più bassa abbassa sensibilmente il baricentro.”
Stile e prestazioni, ecco cosa unisce in se questa Honda Hornet , sembra quasi che abbiano seguito un dei miei motti

 “Se ami le moto non devi modificarle per forza , ma se lo fai cerca almeno di migliorale”

Foto by Yari Boschetti 

Comments on Facebook